COMUNE INFO – Scomparire per esistere

FONTE COMUNE INFO

Mauro Armanino

Ricordate le prime apparizioni degli zapatisti negli ultimi anni del secolo scorso? A chi domandava spiegazioni su quel passamontagna, spiegavano che si coprivano il volto per cessare di essere invisibili. Accade qualcosa di simile, scrive Mauro Armanino dal Niger, per i migranti africani: sono invisibili finché non scompaiono in mare o muoiono attraversando il deserto. A condizione, naturalmente, che qualcuno sopravviva per poterlo raccontare. Allora entrano, da comprimari, o ridotti a numero, nelle cronache “umanitarie” per poi tornare invisibili non appena l’attenzione mediatica gira velocemente pagina.

Lo scriveva anni fa il subcomandante Marcos, oggi col nome militante di Galeano, dalla foresta Lacandona nel Messico. Lui e il popolo che ha scelto come suo, si coprivano il volto col passamontagna. Lo diceva nei suoi memorabili scritti, tra poesia, politica e ribellione.

Y miren lo que son las cosas porque, para que nos vieran, nos tapamos el rostro ; para que nos nombraran, nos negamos el nombre apostamos el presente para tener futuro; y para vivir…morimos” (Guardate come sono le cose, perché ci vedano, ci copriamo il volto; perché ci prendano in considerazione, cancelliamo il nostro nome, mettiamo in gioco il presente per avere un futuro e per vivere moriamo…).

Ciò continua ad accadere nel Sahel e altrove nel mondo. Sono invisibili finchè non scompaiono nel mare (a condizione che ci sia chi racconti il naufragio) o nel deserto o nelle tante frontiere armate rinvigorite nel frat-tempo dal Covid 19. Migranti, rifugiati, impoveriti dal sistema di esclusione globale delle politiche neoliberali e vittime di carestie, solo quando scompaiono come persone cominciano ad esistere per la cronaca umanitaria. Proprio allora, non prima, gli assenti si presentano all’appello e da invisibili passano, da comprimari, sulla scena mediatica per poi tornare a scomparire non appena l’attenzione si allontana.

Da cittadini inesistenti diventano numeri, cifre e statistiche in vista delle confezione di progetti da finanziare se non si vuole che la crisi si trasformi in tragedia. Lo ricordava la comunità ben nota di Sant’Egidio che, in occasione della giornata mondiale dei rifugiati, sabato 20 giugno scorso, ha opportunamente fatto memoria dei morti della Grande GuerraCi riferiamo alla guerra perpetrata contro i migranti che, dal 1990 fino ad oggi, ha prodotto almeno 40.900 morti, nel mare Mediterraneo e nel deserto che lo precedeCifre probabilmente sottostimate, in particolare per gli scomparsi nel deserto, che alcuni specialisti delle migrazioni, poco ascoltati, valutano almeno al doppio dei morti nel mare. Sant’Egidio ha proposto una veglia che aiuti a passare dalle mere statistiche ai volti e ai nomi dei deceduti. Solo quando gli scomparsi diventano audibili, trovano quello che non hanno mai avuto, l’attenzione che si deve ad ogni persona che solo vuole vivere la vita altrove e altrimenti.

Per i rifugiati nel mondo, sradicati, portati via, sballottati dalle circostanze e dalle politiche assassine che distruggono ogni umana convivenza, le cifre sono a tutt’oggi drammatiche e formano una specie di teatro dell’assurdo di personaggi in cerca d’autore. Sfollati interni, profughi, rifugiati, emigrati poi ancora rifugiati oppure assistiti e costretti a scappare ancora dopo l’ultimo attacco di milizie, terroristi, banditi comuni o dall’avvicinarsi della zona del fronte. Nel Niger, preda dell’insicurezza e di una corruzione che non risparmia nessun ambito, si stima ad esempio,  che oltre due milioni di persone abbiano bisogno di assistenza umanitaria. Altri centomila rifigiati e sfollati sono stati censiti, aggiungendosi ai circa 300 mila già sul posto. Nella regione di Diffa ci sono altre migliaia di cittadini, prima inesistenti, che sono sfuggiti ai massacri di Boko Haram e lo stesso accade nella zona di Maradi, più a ovest. Infine nell’area delle tre frontiere, Mali, BurKina e Niger, altre migliaia di rifugiati e sfollati hanno ulteriomente incrementato il numero di invisibili diventati, loro malgrado, oggetto di assistenza e presa in conto.

Così accade per i giovani e i progetti loro indirizzati. Diventano all’improvviso presenti quando si tratta di frenare la migrazione. È di questi giorni, nella zona di Tahoua, nel nord del Paese, da sempre luogo di partenza di giovani in cerca di un futuro differente, la cerimonia di ricezione di materiale da parte dell’Unione Europea e del Ministero Tedesco alla Cooperazione e Sviluppo. Lo scopo di questa donazione è riassunto nel discorso del rappresentante del governatore della regione: “… perché i giovani, attori principali del futuro del Paese, per mancanza di opportunità lavorative non diventino una preda facile per i gruppi estremisti, jihadisti, banditismo e DELLA MIGRAZIONE IRREGOLARE”Tutto chiaro, allora, per tornare ad esistere bisogna scomparire, per essere visti occorre nascondere il volto e per vivere c’è prima da morire.